Il loft è sicuramente una delle soluzioni abitative più apprezzate.

Il loft nasce pre recuperare vecchi immobili industriali.

Chi si occupa di ristrutturare o di arredare un loft si trova però a dover gestire grandi altezze, grandi superfici vetrate e, soprattutto, grandi spazi.

Lo staff di LD Lab vi offre qualche consiglio per ristrutturare, arredare e vivere in un loft.

La caratteristica che rende unico questo tipo di abitazione è la mancanza di pareti e porte a dividere gli spazi. Questo rende difficile la convivenza con aree della casa (come la zona notte o il bagno) che hanno bisogno di privacy.

La soluzione per ovviare a questo problema è utilizzare tende, partizioni mobili, elementi di arredo, posizionati in modo che non compromettano la luminosità e la fruibilità degli spazi.

Gli elementi d’arredo migliore per questo scopo sono le librerie a giorno, le consolle o i pezzi a sospensione. A seconda dello stile che avete deciso di seguire potreste valutare l’utilizzo dei paraventi, che si possono facilmente spostare a seconda delle esigenze.

Evitate di inserire troppi arredi e divisori visivi nello stesso spazio. Correte il rischio di creare un effetto show-room.

Potreste valutare la creazione di un soppalco. La difficoltà, in questa scelta, è nel trovare l’altezza giusta per rendere lo spazio più vivibile. Se il vostro lift non è molto alto, potrete privilegiare la zona living e abbassare la camera da letto, dove qualche centimetro in meno non è un problema, visto che la zona notte viene vissuta soprattutto sdraiati.

Attenzione a non esagerare. Un soppalco troppo grande per lo spazio a vostra disposizione può rompere l’equilibrio dei volumi in larghezza e in altezza.

In un loft la scelta dei colori è essenziale. Tutto deve essere armonizzato. Scegliete, quindi, tinte neutre per le pareti, il pavimento, la cucina e gli infissi. Aggiungete una nota di colore con i divani, i tappeti, le librerie. Esagerate con tinte più forti con i dettagli di complemento d’arredo.

Questo vi permetterà di cambiare periodicamente i complementi d’arredo che hanno i colori più forti e di avere una tavolozza di base facile da abbinare.

Molti commettono l’errore di dare ad una parete intera un colore forte che invade tutta la casa con il rischio di annoiarsi presto.

In un loft la luce deve essere studiata in ogni minimo dettaglio. Valutate, prima di tutto, l’apporto di luce naturale.

Se ci sono grandi finestre compensate gli spazi laterali con dei faretti, capaci di illuminare in modo definito.

Per la sera, quando l’apporto della luce naturale è minimo, se non nullo, prevedete una luce a zona, sia diffusa che puntuale, avrete tutto lo spazio illuminato completamento o sottolineerete solo alcuni dettagli.

Ricordatevi che troppe luci e tutte diverse sono un errore. Puntate ad un equilibrio tra design e funzione.

La cucina di un loft deve essere pratica. Fondamentale è la presenza di una cappa connessa ad un impianto di aspirazione.

La vera sfida in un  loft è il bagno. Il nostro consiglio: isolatevi completamente dal resto della casa per non far passare odori ed umidità. Esistono delle bellissime soluzioni a “monolite, che possono essere posizionate in mezzo allo spazio o addossate ad una parete.

loft

Un altro spazio da isolare è la stanza dei bambini. Proteggete il loro sonno insonorizzando la loro stanza.  Sarà necessario l’intervento di una struttura che racchiuda e impedisca alle onde sonore di passare.

Volete saperne di più veniteci a trovare o continuate a seguirci sul nostro blog, sulla nostra pagina Facebook, sul nostro account Instagram, sul nostro account Pinterest e iscrivetevi alla nostra newsletter.